Chiavi dinamometriche

 

ANALOGICHE o DIGITALI

Regolazione rapida:

  • Lunga durata taratura
  • Dopo uso non è necessario resettare e regolare la chiave sul valore più basso della scala

Prodotto interamente italiano corredato da certificazione di taratura

 

Cosa sono le chiavi dinamometriche

Le chiavi dinamometriche sono contraddistinte da vari fattori positivi, tra cui una regolazione rapida, un utilizzo dopo di cui non è necessaria nella regolazione né il reset del valore più basso della chiave ed una taratura di lunga durata.

Questo prodotto Gavazzi.it è interamente italiano ed è corredato con una taratura certificata ufficialmente.

Ma cosa è la chiave dinamometrica Gavazzi? Si tratta di una chiave di manovra che viene utilizzata comunemente per stringere o allentare dadi e bulloni portandole al giusto valore di coppia. Si tratta quindi un particolare attrezzo a serraggio controllato, che si usa con bussole e che ricorda dalla forma un cricchetto. La chiave dinamometrica contiene al suo interno un meccanismo che permette ad essa di segnalare all’utilizzatore l’avvenuto ottenimento del valore di coppia adeguato, attraverso una lancetta o uno scatto che indicano il valore su scala graduata del serraggio in maniera istantanea.

Questo particolare tipo di chiave viene impiegato quando l’avvitamento diventa fondamentale per evitare il danneggiamento del filetto o per essere certi di ottenere un carico omogeneo in un ambiente che è sorretto da più bulloni o viti.

Chiave dinamometrica a scatto

Questa chiave è la più diffusa e precisa su un mercato, ed il suo valore si imposta attraverso un’impugnatura ruotabile. Una volta impostato il valore è poi possibile bloccare l’impugnatura per non incorrere in variazioni accidentali. La chiave dinamometrica viene fuori utilizzata come un classico utensile per avvitamento o svitamento bussole. Uno scatto alla fine segnala l’impostazione desiderata della coppia di serraggio.

All’interno dell’impugnatura della chiave è contenuto inoltre in meccanismo costituito da una molla che agisce come controllo, il cui precarico consente di determinare il valore preimpostato. Un dente composto da una sferetta che lo fissa sulla testa della molla impedisce la rotazione dell’attacco innestato sulla bussola.

Le coppie impostabili con la chiave dinamometrica

Le coppie impostabili dalla chiave dinamometrica Gavazzi.it vanno da un minimo di 10-60 Nm fino ad un massimo di 200-1000 Nm con la Serie 900, da 200-1000 Nm fino a 500-2000 Nm con la Serie 1000 e da un minimo di 10-100 Nm fino ad un massimo di 100-1000 Nm con la Serie 7000 digitale.

Le due differenti versioni di chiave dinamometrica Gavazzi.it non comportano alcuna variazione nella qualità del serraggio effettuato su viti, bulloni e dadini. L’unica cosa che cambia è la possibilità, nella versione digitale, di facilitare la lettura grazie al particolare schermo installato sull’utensile.